Il M° Hiroshi Shirai e "Goshindo"

Abbiategrasso
16 giugno 2010

E’ ormai pronto il nuovo dojo dove l’Accademia del Karate (a.s.d. Yoshitaka) del Maestro Mario Fanizza concentrerà tutti i gruppi di allenamento, finora suddivisi su più palestre. La nuova sede, posizionata lungo il viale Mazzini, è stata pensata in ogni dettaglio per l’attività di preparazione altamente tecnica del Karate Tradizionale.

Una rappresentazione interna del nuovo dojo

L’inaugurazione con i propri praticanti è fissata ai primi di settembre, alla ripresa delle lezioni e delle normali attività sportive, ma già mercoledì 16 giugno la nuova struttura ha ospitato un grande avvenimento con un eccezionale ospite: il Maestro Hiroshi Shirai, che ha condotto un allenamento di Karate “Goshindo” riservato a circa sessanta “Kyoshi”, una qualifica riservata ai Maestri con il più alto grado di preparazione tecnica ed etica, arrivati espressamente per l’occasione da tutte le regioni d’Italia.

Per chi pratica il Karate, il nome del Maestro Shirai suona del tutto familiare; per chi invece non conosce questa disciplina occorre forse aggiungere che il Maestro Hiroshi Shirai, unico in Italia a fregiarsi del grado di 9° dan (ora 10° dan, n.d.r.), è uno dei massimi esponenti a livello mondiale del Karate Tradizionale.

Nato e cresciuto in Giappone, fin dai primi anni sessanta è stato inviato in Italia, dove ha impiantato e fatto crescere la Scuola italiana mantenendo fedelmente la millenaria impostazione originaria, che fa del karate tradizionale una disciplina affascinante e completa. Il Maestro Shirai rappresenta quindi il massimo punto di riferimento per lo studio e la divulgazione del Karate Tradizionale, ed è il fondatore e Direttore Tecnico della federazione italiana, la FIKTA, con il compito di salvaguardarne il corretto insegnamento preservandolo dalle contaminazioni di stili “moderni” o “sportivi”, che ne diluiscono l’efficacia e ne disperdono gli alti principi etici e morali.

Per meglio preservare e tramandare i contenuti tecnici originari, alla FIKTA è stato successivamente affiancato l’I.S.I. – Istituto Shotokan Italia - un Ente Morale riconosciuto dalla Presidenza del Consiglio, la cui missione si esplica anche attraverso lo sviluppo, lo studio e la ricerca medico-scientifica applicata allo sport, in modo particolare alle arti marziali, promuovendo altresì importanti convegni internazionali di approfondimento.

Nel tempo, poi, il Maestro Shirai ha iniziato a sviluppare la divulgazione di una pratica ancora più avanzata, il “Goshindo” che rappresenta il massimo livello di preparazione fisica e mentale raggiungibile nel Karate Tradizionale, quanto di più efficace e temibile possa svilupparsi attraverso un combattimento a mani nude e a distanza ravvicinata, con uno o più avversari. Il Goshindo si prefigge infatti lo scopo dell’acquisizione di una piena e perfetta capacità di autodifesa da ogni pericolo, attraverso il raggiungimento di ottimali condizioni fisiche e mentali da parte dell’individuo che lo pratica abitualmente.

Attraverso la “Associazione Culturale Hiroshi Shirai Goshindo” possono accedere all’apprendimento soltanto quei praticanti che abbiano già sviluppato una buona conoscenza tecnica e che desiderino proseguire fino ai più alti livelli del proprio percorso di crescita personale.

Il Maestro Mario Fanizza, cintura nera 6° dan (ora 7° dan, n.d.r.), vicepresidente dell’I.S.I. e Direttore Tecnico della a.s.d. Yoshitaka – Accademia del Karate – rappresenta in Abbiategrasso il punto di riferimento per l’insegnamento del Karate Tradizionale e della divulgazione del Goshindo.

HOME