Un nuovo Maestro, due nuovi Istruttori

Abbiategrasso
settembre 2011

La Accademia del Karate YOSHITAKA del M° Mario Fanizza è stata fin dalla sua fondazione, che risale a oltre trent'anni fa, estremamente sensibile ai valori educativi ed etici tipicamente appartenenti al Karate Tradizionale e tramandati in Italia dalla FIKTA, Federazione Italiana Karate Tradizionale. Valori oggi ancor più contrastanti con una certa immagine diseducativa dello Sport in generale, dove gli alti valori morali originari sono stati a volte accantonati nel nome di uno Sport esclusivamente orientato alla "produzione di campioni", con il risultato che oggi risulta sempre più difficile riscontrare valori Educativi ed Etici nella pratica, ad esempio, delle arti marziali, dove le originarie "arti" orientali, di millenaria tradizione e cultura strettamente legate ai più elevati valori morali, sono state spesso frantumate e disperse in mille rivoli irriconoscibili.

Per questo gli insegnanti della Scuola Yoshitaka vengono direttamente e continuamente allenati e seguiti dal M° Mario Fanizza, cintura nera 6° dan (ora 7° dan) e Direttore Tecnico della Scuola, per garantirne in continuo i valori di affidabilità e capacità sia tecnica che educativa.

Oltre a ciò, gli insegnanti della Yoshitaka hanno anche ottenuto la certificazione di "Educatore Sociale", qualifica rilasciata con un apposito corso dalla Regione Lombardia per identificare gli insegnanti che perseguono un fine educativo in un corretto e collaborativo rapporto tra l'educatore, l'allievo, e i genitori.

Così come devono possedere i requisiti fondamentali certificati da organismi federali per l'abilitazione all'insegnamento, sempre sottoposto ad un costante aggiornamento tecnico teso a garantire anche la trasmissione dei Valori che costituiscono il fondamento della disciplina del Karate Tradizionale.

La formazione di un Maestro o di un Istruttore risulta dunque un lungo e complesso lavoro, che prevede un ampio periodo di studio e di tirocinio pratico. Un lungo e impegnativo percorso che si è completato in questi giorni con l'abilitazione ufficiale per Gianluca Fanizza, cintura nera 4° dan (ora 5° dan), che ha acquisito il grado di Maestro; e per altri due insegnanti della Yoshitaka che hanno ottenuto il titolo di Istruttore: sono Roberto De Rienzo e Giovanni Punzi, cinture nere di 2° dan (ora 3° dan).

Sia il corso da Maestro che il corso da Istruttore prevedevano due anni di studio e di pratica specifica per certificare l'acquisizione delle capacità tecniche, delle conoscenze fisiologiche e psicologiche del corpo umano e dell'atleta, storia e filosofia del Karate, cultura e terminologia giapponese, deontologia professionale e molte altre materie di studio che sono state trasmesse - in 140 ore d'aula e 80 ore di pratica - dai molti e autorevoli docenti FIKTA, scelti tra i migliori Maestri in campo nazionale.

Oltre a ciò, era previsto l'obbligo di partecipazione a numerosi stage tecnici specifici per la preparazione atletica: un minimo di 10 giornate per il corso Istruttori e di 20 giornate per il corso Maestri. Altrettante le giornate di presenza e assistenza a gare e competizioni per osservare dall'interno i molti atleti in gara, migliorando così la capacità di valutazione dello stato atletico e tecnico dei propri allievi. Infine, era prevista la collaborazione con gruppi di studio universitari su specifici aspetti medico-scientifici: ad esempio i tre allievi della Yoshitaka hanno collaborato con l'Università di Siena per una ricerca sperimentale nel campo della misurazione della glicemia.

Infine, con la stesura e la presentazione di un complesso elaborato, su un tema assegnato dai docenti, e la sua discussione con una severa Commissione esaminatrice si è concluso il percorso iniziato oltre due anni fa. La Commissione ha poi compiuto una completa valutazione delle capacità non solo tecniche del candidato, per arrivare ad un giudizio completo e certificarne le capacità di attuare un percorso formativo basato su tre importanti concetti: il rispetto dei Valori tradizionali; la conoscenza delle origini storiche e culturali dell'arte del Karate Tradizionale; l'Educazione intesa come applicazione dei più alti princìpi etici e morali.

Un'intensa preparazione che costituisce un vero e proprio corso di laurea, insomma, tanto più per la qualifica di Maestro il cui corso deve sommarsi agli altri due anni per l'ottenimento preventivo della qualifica di Istruttore. Ma, in ogni caso, per la serietà richiesta nella preparazione dai docenti incaricati dalla FIKTA, che anche per questo può vantare l'unica titolarietà nell'insegnamento della "vera" disciplina del Karate fino ad arrivare al livello superiore del Goshin-Do, pura espressione dell'originaria «arte» del combattimento formatasi in un remoto arcipelago a sud del Giappone, più di mille anni fa.

HOME