Un importante stage di Goshindo con il M° Shirai

Abbiategrasso
17 dicembre 2011

Il grande Maestro Hiroshi Shirai è ritornato, nuovamente ospite della Accademia del Karate del Maestro Mario Fanizza, per uno stage di "Goshindo", il Karate che può essere praticato solo a livelli molto elevati e da praticanti già esperti nella disciplina del Karate Tradizionale, in quanto ne rappresenta gli aspetti più duri ed efficaci nell'ambito del combattimento, realisticamente allenato a distanza ravvicinata contro più di un avversario contemporaneamente.

Un allenamento intenso e rigoroso, con l'importante stimolo del Maestro Shirai, dei suoi riferimenti al Karate da lui praticato in Giappone, con le sue esortazioni al "fare", al lasciare agire liberamente il corpo senza "pensare" alle azioni da compiere, per arrivare a cogliere l'essenza della tecnica con la massima velocità di reazione.

Come già a giugno 2010 la partecipazione allo stage è stata riservata, su specifico invito, soltanto a poco più di cinquanta allievi, tutti importanti Maestri di 5°, 6° o 7° dan provenienti da tutte le Regioni d'Italia, ai quali se ne aggiungevano due dalla Germania, uno dalla Svizzera ed uno persino dalla Finlandia. Presenti anche alcuni allievi della Accademia del Karate Yoshitaka, e - naturalmente - il padrone di casa, il Maestro Mario Fanizza, 6° dan, che non per nulla aveva simbolicamente donato al M° Shirai le chiavi del dojo abbiatense in occasione della sua inaugurazione.

Come sempre, nessun pubblico veniva ammesso, né ammesse riprese fotografiche o video durante l'allenamento. Non sempre, infatti, gli eventi sportivi più importanti sono resi pubblici: e se questo è pressoché inconcepibile in molte delle attività sportive, risulta invece la normalità nel Karate Tradizionale, dove l'accesso al pubblico viene rigorosamente vietato in tutti gli allenamenti di alto livello, così come in tutti gli stage organizzati dalla FIKTA - Federazione Italiana Karate Tradizionale - con il contributo dell'I.S.I. Istituto Shotokan Italia, un ente morale riconosciuto dallo Stato Italiano. Due organismi ai quali il M° Shirai - Gran Maestro dell'Associazione Istruttori della Federazione Internazionale Karate Tradizionale (ITKF) - ha affidato il compito di diffondere, preservare e tramandare in Italia il corretto insegnamento del Karate Tradizionale con i suo alti valori etici e morali.

A conferma della eccellenza del suo operato e dell'alto valore della sua Scuola e del suo insegnamento, il M° Shirai ha recentemente ricevuto due ambiti riconoscimenti per il contributo e l'impegno profusi nella diffusione e insegnamento del karate, nel corso di un'attività svoltasi per ben cinquant'anni in Italia e nel mondo.

Nello scorso ottobre, con una cerimonia ufficiale presso il Consolato Generale del Giappone a Milano, è stato conferito al M° Shirai dall'Imperatore del Giappone, per mano del Ministro degli Affari Esteri e del Console Generale del Giappone in Italia, un altissimo riconoscimento a sottolineare che la sua importante opera di divulgazione del Karate Tradizionale e della cultura e della spiritualità giapponesi è stata elevata a patrimonio culturale del Giappone.

Analoghe motivazioni hanno poi portato lo scorso 10 dicembre, durante lo svolgimento della Coppa Shotokan, a conferirgli l'onore del grado di 10° dan, il massimo grado raggiungibile nell'arte del Karate, onore che solo poche persone al mondo possono vantare.

La Accademia del Karate Yoshitaka e il M° Mario Fanizza saranno sempre più onorati di ospitare ancora, in futuro, nel proprio dojo, il Gran Maestro Hiroshi Shirai.

HOME