Abbiategrasso
3, 4, 5 febbraio 2012

Eventi:


Il Karate e le arti giapponesi:
incontro con una cultura "straniera"

A cura di Accademia del Karate Yoshitaka incontro con:

Shuhei Matsuyama
e
Flavio Gallozzi

i due principali protagonisti delle Mostre di "Giorni d'Asia: Giappone"

TEMI DELL'INCONTRO:

Shuhei Matsuyama
pittore e artista di fama mondiale, cintura nera 5° dan e Maestro di Karate Tradizionale

l'Arte del Karate

Proiezione commentata di filmati originali giapponesi risalenti agli anni 1940/1950, quando il Karate Tradizionale era praticato esclusivamente in Giappone e dopo più di mille anni risultava, ancora per poco, del tutto sconosciuto al resto del mondo

le Arti giapponesi

l'Arte della musica che diventa pittura

Shin-On: “il Suono di tutte le cose”

Flavio Gallozzi
fotografo internazionale, cinematographer, scrittore

la visione di un artista occidentale sulle arti tradizionali giapponesi

Il Gesto Creativo: i segreti dell'ombra


il KARATE TRADIZIONALE

Il Karate, inteso e praticato nella sua antica forma tradizionale come una vera «arte» del combattimento e non come un semplice sport, con i suoi alti valori etici e morali risulta intimamente legato alla molteplice cultura e alla spiritualità giapponesi.

E, come ogni «arte» giapponese - dalla cerimonia di preparazione del tè all'esercizio della calligrafia, dalla composizione dei fiori alla modalità di forgiare una spada - anche il Karate Tradizionale presenta gli aspetti rituali di una ripetizione continua dei medesimi gesti per proseguire nella via, il «do», verso un punto più alto da raggiungere nel perfezionamento di sé: un percorso da conquistare con fatica e determinazione superando i propri limiti atletici, fisici o di età per raggiungere una grande padronanza tecnica e una vera maestria nel gestire e dominare la potenza e la forza raggiungibili.

Si parla infatti di Karate-do per indicare uno stato d'animo perennemente orientato verso la realizzazione della «via» il cui significato è assai più profondo e completo dei termini occidentali di via, cammino, disciplina… Nella cultura giapponese la nozione di «do» è concepita come un percorso che conduce ad un alto stato spirituale, raggiungibile attraverso l'approfondimento di una disciplina, che libera le facoltà umane nei diversi campi delle arti.

Le foto © Flavio Gallozzi ritraggono il grande Maestro Hiroshi Shirai
nel dojo della Accademia del Karate Yoshitaka in Abbiategrasso, il 17 dicembre 2011,
in occasione di un importante stage di Karate Tradizionale

HOME