Abbiategrasso
agosto 2016

La scelta del Restauratore per la preparazione e il restauro della porzione dipinta e, ancor pi¨, per il risanamento della muratura dell'edicola, ha previsto il rigoroso utilizzo di elementi tutti naturali provenienti da molte differenti zone d'Italia: elementi quasi del tutto "dimenticati" nella normale edilizia (concentrata sulla rapiditÓ e facilitÓ di esecuzione delle opere) ma che presentano molte utili proprietÓ non replicabili con i moderni materiali edili e additivi chimici.

Utilizzate infatti le antiche tecniche e "ricette" con la mescolanza di tanti e diversi leganti, inerti e additivi, per ottenere proprietÓ differenti dai vari strati delle malte e degli intonaci in funzione delle proprietÓ desiderate per ogni singolo strato, al fine di ottenere il risultato ottimale complessivo. Antiche tecniche e ricette di mescola che non sono pi¨ "segreto di bottega" ma "condivisione di saperi" anche grazie all'aiuto di internet per la ricerca dei migliori produttori di materiali naturali, sopravissuti nel difficile mercato edilizio, e per l'approfondimento delle antiche "ricette" usate fin dai tempi antichi per le costruzioni pi¨ resistenti.

Quasi del tutto esclusi invece i componenti chimici di uso comune, salvo pochissimi materiali consentiti in restauro per usi particolari, quali ad esempio il consolidamento di materiali lapidei. Del tutto escluse invece le usatissime colle viniliche.










Colori e Pigmenti

Silicati di potassio "procedimento B" (Keimfarben, Milano): base di diluizione per ottenere colori durevoli, senza per˛ l'effetto "vetroso" tipico dei silicati.

Ossidi di ferro specifici per il silicato di potassio: Brunino di Bergamo, Bruno di Marte, Ocra calda d'Italia, Terra d'ombra naturale, Ocra calda chiara, Ossido giallo, Blu di cobalto chiaro e scuro, Rosso di Pompei, Rosso inglese, Bianco di zinco, Nero fumo.

Leganti naturali

Grassello di calce non micronizzata a 60 mesi di stagionatura (Morandi Bortot, Treviso), calce idraulica naturale NHL 3,5 (TCS, Montichiari BS), calce pozzolanica vesuviana, calce vulcanica della cava francese di Saint Astier NHL 3,5 (TCS, Montichiari BS).

Inerti tradizionali

Da aggiungere a malte e intonaci per dare consistenza, volume e resistenza nel tempo: sabbia silicea marnosa, sabbia del Ticino vagliata, sabbia finissima (litta), limo setacciato, pietra pomice.

Cocciopesto

Polvere ottenuta da coppi e mattoni macinati finemente, esenti da klinker e cementi o laterizi di produzione industriale (Heres, Treviso). Granulometrie impiegate: per l'arriccio da 0,3 a 3 mm., per strato intermedio da 0,1 a 1mm.

Mescolato a un legante di calce il cocciopesto presenta un notevole potere indurente anche in presenza di acqua (veniva comunemente usato dai Romani per costruire le fondamenta dei porti sotto il livello del mare). Utilizzato come inerte nelle malte assorbe l'umiditÓ all'interno del muro ed evita la formazione di sali dannosi sulla superficie esterna, che cristallizzando impediscono la traspirazione del muro impedendo la dispersione dell'umiditÓ interna.

Polveri di marmo

Setacciate, finissime per le preparazioni finali (0,0 - 0,1 mm) o pi¨ grosse per le intermedie (0,3 - 1mm) ottenute dalla macinatura dei marmi: Verde Alpi, Rosa corallo, Nero ebano, Giallo Mori, Bianco di Carrara, Bardiglio, Botticino, Rosso di Verona, Marmo di Zandobbio.

Mescolate per preparare l'ultimo strato di intonaco, induriscono la finitura di superficie colorandola e rendendola pi¨ liscia: Ŕ il cosiddetto intonaco "marmorino" per realizzare le parti decorative, ma se usato come base per un dipinto consente l'utilizzo di pennelli pi¨ fini, migliorando la finezza della pittura.

Additivi e supportanti naturali

Acqua deionizzata e bidistillata, acqua "del Sindaco" (dal normale acquedotto...), acqua di calce, allume di rocca, diatomite (farina fossile assorbente), colla di caseina, latte scremato, olio di lino cotto, carbometilcellulosa, polpa di carta Arbocel, sapone di Marsiglia vergine, e... zucchero (un legante presente in tutte le antiche "ricette").

Prodotti chimici

Carbonato di ammonio, alcool etilico 96░, alcool isopropilico (pulenti e pre-consolidanti dell'intonaco prima di stendere la pittura); silicati di etile (per consolidare materiali lapidei e intonaci) e silicati di potassio (per ottenere i colori).

HOME